English Version of Stefanoolla.com
BIO

:: Per una versione aggiornata della bio, è consigliata la visione della versione inglese del sito ::

Recording engineer, mixing engineer e drum programmer, nasce a Cagliari nel glorioso 1982. Sfiora il successo casalingo quando nel 1996 compra la sua prima e ultima chitarra classica, intelligentemente rimpiazzata nel 1999 con la prima elettrica.

Nel 2000 la passione per la musica lo convince a intraprendere studi privati di chitarra e sound engineering. La passione cresce
esponenzialmente e lo porta a interessarsi anche di basso e batteria.

Seguono svariate esperienze come fonico di palco e assistente di studio, che nel 2004 lo porteranno a collaborare con Donato Begotti presso il Pingo Studio di Milano (ora Rock Guitar Academy) nella produzione di Private Lesson: Rhythm & Lead, metodo didattico edito da BMG Ricordi.
Per maggiori informazioni consulta la Discografia

E' qui che ha la possibilità di conoscere e imparare a lavorare con alcune delle migliori macchine presenti sul mercato, innamorandosi irrimediabilmente di Pro Tools,
con il quale instaura un rapporto speciale amorevolmente ricambiato dalle versioni M-Powered, LE e TDM.
In breve tempo sceglie di intraprendere studi di Music Production presso la Berkleemusic.com e presso la sede italiana SAE frequenta seminari di ripresa e mixaggio Stereo e 5.1, tenuti da professionisti come Maurizio Natoli, e di mastering e music production, tenuti da BIG del calibro di George Massemburg, Leif Mases, Tony Maserati.

L'esperienza milanese gli consente di collaborare anche con il cantante e produttore Michele Rovelli, in veste di ingegnere del suono nella produzione del progetto solista del cantautore,
che reincontrerà anche nel 2009 nella Kapajanca Experience, l'esperienza dall'anima profondamente etnica di Beppe Dettori (voce leader dei Tazenda), che lo chiama in veste di responsabile audio e fonico FOH.

Milano vede nascere anche la stretta collaborazione con il musicista Roberto Diana, attivo in concerti live in tutta Italia, Europa e Stati Uniti, produttore artistico, turnista e assistente presso l'Acoustic Design Studio di Pietro Nobile, dove anch'egli sarà spesso chiamato in veste di tecnico di registrazione e drum programmer.

La forte intesa sviluppata con il musicista sardo gli darà la possibilità di seguire come tecnico del suono la produzione
del primo album dei Ses Cordas, occupandosi presso gli Hyde Park Studios di Vimodrone delle fasi di ripresa, mixaggio e mastering della preziosa collaborazione artistica tra Roberto Diana e Marco Pinna, e di partecipare come tecnico di ripresa e mixing engineer ("a quattr'orecchie" con Roberto Diana) alla produzione dell'album Online di Simone Borghi, con featuring d'eccezione come Tony Levin, Vinnie Colaiuta, Steve Lukather, Simon Phillips, James Raymond e Frank Gambale.

La pericolosa follìa che alimenta la collaborazione sarda lo porterà a dominare record
di produzione come la ripresa audio/video, montaggio e authoring di un DVD in soli 5 giorni (e 5 notti!), come quello dedicato al pedale Hot Hand Wah, sviluppato per la Source Audio in collaborazione con Reference Laboratory e presentato per la prima volta a Los Angeles in occasione del Winter NAMM Show 2009, l'evento musicale più importante al mondo.
Essendo la follìa una forma di genialità, sarà poi facile scegliere di co-produrre con Roberto Diana la serie in 8 puntate di The Inutil News Show, video-notiziario condotto dall'attrice/cabarettista Francesca Vargiu e pubblicato dalla webTV di Very Inutil People, per poi gettarsi a capofitto nella produzione audio (e video!) di It makes no sense, il progetto
ideato con Roberto Diana e Simone Borghi, e sviluppato in collaborazione con la SAE di Milano nella persona di Andrea Fuggetta, che sfocerà poi nel DVD dedicato alla produzione e all'arrangiamento dell'intero lavoro.

Nell'intento di assicurarsi la totale assenza di minuti di sonno, attualmente partecipa come tecnico del suono e co-produttore (con Simone Borghi e Roberto Diana) anche alla realizzazione di Pay the price, nuovo singolo del cantautore Ivan Battistella, pensato in quel dell'Abruzzo e cresciuto tra Milano e Los Angeles, dove si arrichirà della partecipazione di artisti del calibro di James Raymond, Tony Levin, Brian Ray e J.P. Cervoni e, facendo volentieri il nido nella Città Degli Angeli, produce in collaborazione con Roberto Diana e Reference Laboratory la serie "Reference Daily News": 5 puntate che presentano giornalmente le interviste e le fasi salienti del Winter NAMM Show 2010, vissute presso il Reference Cable Corner in compagnia di portatori sani di musica come Rudy Sarzo, Hussain Jiffry, Greg Moore, Billy Corgan, Jeff Pevar, Julio Figueroa e Keith Rice.
L'esperienza californiana pianterà quindi i semi di ancor più malefiche intenzioni attualmente in violenta incubazione...

:: Per una versione aggiornata della bio, è consigliata la visione della versione inglese del sito ::